Studio Dentistico Torino Dr. Perotti Mario

Mens Sana in Corpore Sano

Mens sana in corpore sanoQuasi duemila anni fa, con questo motto Giovenale ci ricordava che la salute di mente e corpo vanno di pari passo. E se le persone intelligenti sanno avere cura dei propri denti, da oggi è anche confermato che mantenere una buona salute orale aiuta a mantenere buone capacità mentali dopo una certa età.

Uno studio della University of California, condotto su un campione di 5500 persone over 65, ha evidenziato che ad una bocca sana corrispondono meno rischi di demenza, mentre uno studio inglese comparso sul Journal of the American Geriatrics Society dimostra come alla perdita di alcuni denti è associata una riduzione delle capacità cognitive e della memoria, oltre che ridotte prestazioni motorie. In particolare, la correlazione tra la perdita dei denti ed un rapido declino della  memoria è significativa e indipendente da una serie di altre eventuali cause confluenti, specialmente dopo i 60 anni di età.

 Per garantirsi una vecchiaia serena e prestante, è consigliabile quindi applicare fin da giovani comportamenti adeguati ad una buona profilassi delle malattie dei denti e delle gengive. L'arma vincente è praticare una corretta igiene orale quotidiana e programmare le sedute periodiche di controllo e di igiene orale presso il vostro dentista di fiducia.

Leggi tutte le news.

Salute, una questione di gusto: l'umami

cibi umamiTra i gusti che la nostra bocca percepisce, oltre ai più noti dolce, salato, aspro e amaro, c’è il gusto umami. Questo nome deriva da una parola giapponese che significa “delizioso e saporito”, ed è associato alla presenza di alcune molecole che conferiscono maggiore sapidità a cibi come carni, salumi, affettati, formaggi, pesci, frutti di mare, ma anche tè verde, salsa di soja e preparazioni di alghe della cucina orientale.

Ai giapponesi, infatti, si deve la scoperta agli inizi del secolo scorso di questo “quinto gusto”.

Sempre a loro si deve ora un interessante studio sull’argomento: gli anziani che hanno evidenziato una perdita di questo gusto in particolare, mantenendo una sostanziale integrità degli altri, lamentano inappetenza, perdita di peso e scadimento delle condizioni generali di salute.

te umamiMolti anziani inoltre assumono farmaci di varia natura che riducono il flusso salivare e la sensibilità gustativa, mentre è noto che la percezione del gusto richiede che le molecole del cibo siano disciolte nella saliva per arrivare a stimolare le papille gustative.

Lo studio dimostra che somministrando una bevanda tradizionale di uso in Estremo Oriente, il tè kelp, a base di alghe essiccate, che ha la capacità di stimolare la percezione del gusto umami, si ottiene in pazienti anziani con iposcialia – ossia ridotta salivazione – e disgeusia – ossia alterata percezione del gusto – un evidente e duraturo miglioramento della produzione di saliva, della sensibilità gustativa, dell’appetito, del peso e della salute generale.

La presenza accertata di recettori per l’umami nell’intestino suggerirebbe, inoltre, un ruolo degli alimenti contenenti molecole che stimolino questo gusto nella regolazione dell’appetito e della digestione e nel mantenimento di buone condizioni di salute.

Leggi tutte le news.

Un aiuto naturale dal tè verde

tè verdeLa saggezza millenaria delle popolazioni orientali tra i suoi meriti ha anche quello di aver intuito da più di 4000 anni le notevoli proprietà terapeutiche del tè verde. L'infuso di questa pianta è ricco di catechine antiossidanti, che aiutano l'organismo a difendersi dai radicali liberi, molecole reattive che danneggiano le cellule.

Indagini recenti suggeriscono inoltre che il tè verde svolgerebbe in particolare un'azione diretta di protezione dei tessuti della bocca. Uno studio del Journal of Periodontology su 940 persone dimostra una significativa diminuzione dei segni di infiammazione gengivale in chi assumeva regolarmente tè verde.

L'azione protettiva è evidenziata anche dalla riduzione dell'adesività batterica sui tessuti dentari esercitata da questi polifenoli del tè, tanto che ne sono state studiate le proprietà curative se applicato sulle gengive malate in forma di gel topico.
Secondo altri autori il consumo di tè verde potrebbe avere addirittura un effetto protettivo nei confronti del cancro orale.
Insomma, anche le vostre gengive ringrazieranno per il tea time  ...con poco zucchero però!

La vitamina D per denti sani sin dalla nascita

Una ricerca canadese pubblicata su Pediatrics correla in modo significativo i bassi livelli di vitamina D nel sangue delle gestanti con la comparsa precoce di carie nei dentini dei bebè.
La vitamina D avrebbe un'azione favorente la corretta mineralizzazione dei denti da latte, rendendoli più resistenti all'azione della carie.

bebe

 
Peraltro anche una igiene orale inadeguata nelle gestanti sfavorisce i nascituri: alcuni batteri responsabili della carie, in specie lo Streptococcus mutans, si trasmettono da madre a figlio.
E' importante pertanto mantenere anche in gravidanza un'igiene orale impeccabile per fornire al nascituro una bocca sana.
 
I bassi livelli di vitamina D nel sangue sono stati anche correlati, in uno studio tedesco pubblicato dall'Università di Greifswald, alla perdita precoce dei denti nell'adulto, per perdita di supporto parodontale, mentre a quest'età non sembra avere influenza sull'azione della carie.

In definitiva bassi livelli di vitamina D nel sangue possono correlarsi con malattie della bocca ad ogni età.

Cure low cost

La crisi ha spinto molti italiani verso le offerte dentarie low cost.
Si diffonde così il fenomeno commerciale delle cliniche in franchising: catene fondate spesso su capitali stranieri, Spagna in primis, che seguono una logica commerciale da fast-food: presenza su strada, grandi insegne e un marketing aggressivo che sbandiera cure dentarie in saldo.


Putroppo l'ANSA riferisce che più 50.000 italiani devono rimediare ogni anno ai problemi di una cattiva odontoiatria. Per loro il sogno di cure low cost si è trasformato in un costoso incubo di sedute supplementari e tempi di cura molto più lunghi per rimediare a infezioni, perdite degli impianti o dei denti, problemi estetici conseguenza di chirurgia odontoiatrica.

Leggi tutto

AVVISO: questo sito utilizza la tecnologia dei cookie.

Se si continua la navigazione, si presta il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più

Approvo

Copyright © 2014-2017 Studio Odontoiatrico Dott. Mario Perotti - Realizzazione sito